DREAMERS AT WORK

Storie di passione, amore, coraggio e talento. Una fotografia dei valori e dei sentimenti dei sognatori di oggi. Uno sguardo curioso e aperto, al di là di preconcetti e luoghi comuni…

iPhone a carbone

Zhunger è un avamposto inoltrato nelle steppe della Mongolia cinese, un paio di ore di macchina a sud di Hohot, all’ unica strada asfaltata che ricopre il viale centrale dove affaccia la sovietica sede del partito, fa da corollario una congerie di viuzze sterrate e malconce percorse a zigzag da un impressionante quantità di BMW, Porsche, Maserati e Ferrari. L’origine di questo stridente contrasto è da ricercarsi nell’inaspettata quanto improvvisa fortuna caduta su questa piccola “capitale del carbone” prescelta, secondo i piani del governo, per ospitare uno dei maggiori conglomerati minerari della Cina: la forte sensibilizzazione della ancora embrionale ma sempre più robusta opinione pubblica che ormai osteggia apertamente le miniere-tomba in cui molti minatori senza alcuna garanzia di sicurezza continuano a trovare la morte per crolli o esplosioni improvvise, unita a una sete crescente di materie prime a buon mercato -il carbone, di cui la Cina è ricchissima, continua a contribuire per il 40% del fabbisogno energetico nazionale e la tendenza sembra piuttosto in aumento data la crescente instabilità di alcune delle maggiori aeree produttrici di petrolio- hanno spinto il governo ad accorpare piccole miniere in immense aree di estrazione a cielo aperto ad altissimo tasso di meccanizzazione. L’improvviso valore acquisito da queste zolle ai confini della Cina ha creato dal giorno alla notte un’altissima densità di milionari, basti pensare che il reddito pro capite di questa cittadina è più alto di quello di Shanghai, capitale economico-finanziaria del paese.

Se da un punto di vista economico, questa nuova politica può garantire sul medio termine abbondanti rifornimenti di materia prima a buon mercato consentendo alla Cina di attestarsi quale fabbrica del mondo per gli anni a venire, la notizia non è certo stata ben accolta dai movimenti sensibili  al problema ambientale: il carbone si attesta come una delle materie prime più inquinanti e i timidi tentativi di installare turbine per la produzione di energia eolica e pannelli solari nell’ovest del paese non bastano certo a controbilanciare l’immenso impatto ambientale generato da queste miniere.

Amara la riflessione che anche il più cool dei gingillini della Mela appena acquistato nello sfavillante Apple Store di Pudong sarà probabilmente alimentato a carbone…

Annunci

Informazioni su andreacavagnini

Collaboratore dreamersatwork.net - Operation Manager a Shanghai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 luglio 2012 da in BlueChina, Storie con tag , , , , , .

Seguici su:


Inserisci il tuo indirizzo mail per seguire questo blog e ricevere notifiche sui nuovi post.

Segui assieme ad altri 117 follower

siti
In classifica

Partner

Blog Stats

  • 26,536 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: