DREAMERS AT WORK

Storie di passione, amore, coraggio e talento. Una fotografia dei valori e dei sentimenti dei sognatori di oggi. Uno sguardo curioso e aperto, al di là di preconcetti e luoghi comuni…

Metropoli multirazziale

Il vento a Shanghai sta rapidamente cambiando, una città che fino a dieci anni fa era costituita quasi esclusivamente da Han, il gruppo etnico maggioritario in Cina che costituisce circa il 95% della popolazione, sta rapidamente riscoprendo la sua vocazione internazionalista, proprio come al principio del XX secolo, quando la “Parigi d’Oriente” vedeva le sue strade affollate di miliardari, avventurieri, furfanti, rifugiati e reietti occidentali che cercavano nella lontana Cina e nel porto misterioso di Shanghai la chiave delle loro fortune.

Oggi la componente umana di Shanghai si sta rapidamente diversificando per la valenza e plusvalenza economica ormai rappresentata dalla Cina e dalla sua capitale finanziaria: non sono più solo i manager europei e americani ad affaccendarsi nelle hall degli hotel per firmare vantaggiosi contratti o consumare un rapido drink, ma una nuova generazione di talentosi occidentali sta ricercando in queste strade, dove l’inglese si è ormai affermato comeo la lingua franca, una propria esperienza internazionale, designers che sognano la collaborazione con case di moda, ormai trasferitesi in massa a corteggiare i clienti del mercato cinese, architetti che possono testare le loro capacità con uno degli ambienti costruttivi più vibranti al mondo, studenti che apprendono il mandarino come una delle lingue chiave di un futuro che si fa sempre più presente, oppure semplici viveurs che sempre più numerosi stanno aggiungendo Shanghai fra le mete più glamour dei loro itinerari.

Ma vi è anche un’altra immigrazione,tutta interna alla Cina, che va a stratificare ulteriormente il complesso mosaico urbano, l’immigrazione degli altri 55 gruppi etnici cinesi che compongono quel 5% della popolazione rubacchiato agli Han, i xingjianesi uiguri con le loro pietanze speziate che vendono agli angoli della concessione francese, i miao del guizhou che fieri esibiscono i loro batik verdi e blu e i loro argenti, i tibetani che si raccolgono intorno ai templi lamaisti, gli hui musulmani della moschea dell’albero di pesco intenti a preparare zuppe di carne e i Dong, i zhuang, i bai, i mongoli robusti, una città che si fa caravanserraglio illuminata da un infinità di lingue e di sguardi.

Annunci

Informazioni su andreacavagnini

Collaboratore dreamersatwork.net - Operation Manager a Shanghai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 3 novembre 2012 da in BlueChina, Storie con tag , , , , .

Seguici su:


Inserisci il tuo indirizzo mail per seguire questo blog e ricevere notifiche sui nuovi post.

Segui assieme ad altri 117 follower

siti
In classifica

Partner

Blog Stats

  • 26.650 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: